AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI PRESTAZIONE D’OPERA

AVVISO N. 1

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI PRESTAZIONE D’OPERA

Ai sensi della normativa vigente

SI RENDE NOTO

  1. Oggetto e caratteristiche dell’incarico

L’Istituto Domus Mazziniana intende individuare, attraverso una procedura comparativa, un professionista al quale conferire il seguente incarico di prestazione d’opera:

   

Tipologia di contratto: collaborazione professionale
Oggetto: incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’Istituto Domus Mazziniana
Durata: 1° marzo – 31 dicembre 2017
Sedi di svolgimento dell’attività: Per lo svolgimento del suddetto incarico, la presenza presso i locali dell’Istituto deve essere tale da garantire la sicurezza della struttura
Compenso lordo-prestatore annuo: € 1.800,00= (oltre IVA e rivalsa)

 

 

In particolare, l’incarico sopra indicato implicherà:

1) lo svolgimento di tutti i compiti e l’assunzione delle responsabilità previste dalla normativa per tempo vigente per il ruolo del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Con riferimento alle esigenze funzionali dell’Istituto esso consisterà nello svolgimento, tra l’altro, dei seguenti compiti con riferimento agli ambiti indicati:

in ambito amministrativo:

  • gestione della sicurezza negli appalti;
  • redazione del DUVRI e coordinamento con le aziende appaltatrici;
  • gestione delle procedure di valutazione delle idoneità tecnico professionali delle ditte esterne;
  • formazione del personale amministrativo;
  • conoscenza ed espletamento delle procedure di gestione e coordinamento della scurezza nelle convenzioni con enti, fondazioni, associazioni, istituzioni scolastiche e non

in ambito antincendio:

– attività di soggetto certificatore ai sensi della Legge 818/1984. Tale attività è riferita al campo del T.U. sulla sicurezza di cui al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i;

  • formazione dei soggetti addetti antincendio;
  • valutazione di rischio in ambito antincendio;
  • organizzazione delle squadre di emergenza.

La collaborazione sarà espletata personalmente dal soggetto selezionato in piena autonomia senza vincoli di subordinazione né di orario.

 

  1. Requisiti di ammissione e profilo professionale richiesto

Ai sensi dell’art.32 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81 “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”, per lo svolgimento delle funzioni di Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione è necessario trovarsi in una delle seguenti situazioni:

  1. a) possedere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore unitamente al possesso di attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a specifici corsi di formazione, relativi alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative (oggi denominati Moduli A e B) nonché a specifico corso di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress lavoro-correlato, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali (oggi denominato Modulo C).

I suddetti corsi di formazione devono rispettare in ogni caso quanto previsto dall’accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, pubblicato nella G.U. n.37 del 14 febbraio 2006, e successive modificazioni.

  1. b) possedere una laurea in una delle seguenti Classi di cui al Decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca del 16.03.2007: L7 “Ingegneria civile e ambientale”, L8 “Ingegneria dell’informazione”, L9 “Ingegneria industriale”, L17 “Scienze dell’architettura”, L23 “Scienze e tecniche dell’edilizia” e della laurea magistrale LM26 “Ingegneria della sicurezza”; oppure afferente ad una delle seguenti Classi di cui al Decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca del 4.08.2000: Classe 4 “Classe delle lauree in scienze dell’architettura”, Classe 8 “Classe delle lauree in ingegneria civile e ambientale”, Classe 9 “Classe delle lauree in ingegneria dell’informazione”, Classe 10 “Classe delle lauree in ingegneria industriale”; oppure afferente alla Classe 4 “Classe delle lauree in professioni sanitarie della prevenzione”, di cui al Decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca del 2.04.2001.

Coloro che risultano in possesso di una delle suddette lauree, o di titolo riconosciuto corrispondente ai sensi della normativa vigente, sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione (Moduli A e B) restando necessario il possesso di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, relativo al corso di formazione denominato Modulo C.

 

Il candidato selezionato dovrà inoltre possedere una copertura assicurativa dei rischi derivanti dall’espletamento dell’incarico (indicando categoria e numero di polizza) ovvero dovrà impegnarsi a provvedervi in tempo utile prima dell’inizio dell’espletamento dell’incarico.

 

Per la scelta del professionista saranno rilevanti le seguenti competenze e/o esperienze:

– precedenti esperienze professionali maturate esclusivamente in qualità di Responsabile del servizio prevenzione e protezione. Saranno considerate meritevoli di particolare apprezzamento, anche in relazione alla durata e alla continuità, quelle maturate presso amministrazioni pubbliche

– laurea, eventuale abilitazione professionale e titoli post-laurea pertinenti

– frequenza di corsi di formazione/aggiornamento pertinenti

– attività di docenza/formazione e/o pubblicazioni pertinenti

 

 

  1. Incompatibilità

Versano in situazione di incompatibilità con la posizione di titolare di incarico di prestazione d’opera presso l’Istituto:

– ai sensi dell’art. 18 comma 1, lett. c) della Legge 240/2010, coloro che abbiano un grado di parentela o affinità, fino al quarto grado compreso, con il soggetto che ha disposto l’attivazione dell’incarico e/o con i componenti dell’organo che delibera sulle risorse su cui grava anche in parte il relativo finanziamento;

– chi sia cessato per volontarie dimissioni dal servizio presso una delle amministrazioni di cui all’art.1, comma 2, del D. Lgs. 165/2001 con diritto a pensione anticipata di anzianità ed abbia avuto rapporti di lavoro con l’Istituto nei 5 anni precedenti a quello di cessazione da servizio;

– chi si trovi in situazioni a cui la legge ricollega una incapacità a contrarre con le pubbliche amministrazioni o in altre situazioni di incompatibilità previste dalla normativa vigente.

L’incarico potrà essere conferito a cittadini stranieri purché in regola con le vigenti disposizioni in materia di permesso di soggiorno; potrà essere altresì conferito a dipendenti dello Stato e di Enti Pubblici purché autorizzati, preventivamente rispetto alla stipula del contratto, dall’Amministrazione di appartenenza ai sensi dell’art.53 del D. Lgs. 30 marzo 2001, n.165.

 

  1. Modalità di individuazione del prestatore a cui conferire l’incarico

La valutazione comparativa degli aspiranti sarà effettuata attraverso l’esame comparativo dei curricula presentati mirante ad accertare l’elevata qualificazione professionale o provata competenza dell’aspirante rispetto ai contenuti e alle caratteristiche dell’incarico che si intende conferire, con riserva della possibilità, qualora ritenuto opportuno, di sottoporre a colloquio alcuni candidati selezionati in base all’esame dei curricula.

I candidati eventualmente selezionati per il colloquio verranno convocati dall’Amministrazione.

In caso di colloquio, esso verterà sui seguenti argomenti: applicazione del D.Lgs.n.81/2008 nelle pubbliche amministrazioni; gestione, in termini di sicurezza sul lavoro, dei contratti nelle pubbliche amministrazioni.

La comparazione tra gli aspiranti e l’individuazione del soggetto cui conferire l’incarico viene effettuata dallo stesso soggetto conferente, o suo delegato, coadiuvato da uno o più esperti nelle materie relative al profilo da selezionare dal medesimo individuati. Non potranno effettuare la valutazione coloro che abbiano un grado di parentela o di affinità, fino al quarto grado compreso, con uno dei candidati, nonché coloro che si trovino in una delle ulteriori ipotesi di cui all’art. 7 del Regolamento recante il codice di comportamento dei dipendenti pubblici di cui al D.P.R. 62/2013. La valutazione comparativa risulterà da una sintetica relazione motivata. Resta ferma la possibilità di ritenere motivatamente che nessuno dei candidati sia in possesso del profilo professionale richiesto per il conferimento dell’incarico. Non trattandosi di procedure di reclutamento non si dà corso a graduatorie di merito né verranno espressi giudizi di idoneità. I nominativi delle persone individuate quali affidatarie dell’incarico saranno pubblicati sul sito dell’Istituto al termine della valutazione.

 

  1. Domanda: termini e modalità di presentazione

Per partecipare alla selezione gli interessati in possesso dei requisiti prescritti dovranno presentare:

  • domanda di ammissione alla procedura, redatta in carta semplice utilizzando il modello allegato, debitamente sottoscritta in originale e indirizzata a Amici dei Musei e e Monumenti Pisani, Piazza San Silvestro 11, 56127 PISA”;
  • fotocopia non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore in corso di validità;
  • curriculum contenente dettagliata descrizione degli studi e delle esperienze professionali maturate, nonché ogni altra informazione o notizia che l’aspirante ritenga utile ai fini della valutazione.

La domanda e la predetta documentazione dovrà pervenire a questa Amministrazione inderogabilmente entro 10 giorni dalla pubblicazione del presente avviso sul sito web dell’Istituto. Nel caso in cui il giorno di scadenza del presente avviso coincida con sabato, domenica o giorno festivo, il termine si intende prorogato al primo giorno lavorativo utile.

La domanda dovrà essere presentata mediante una delle seguenti modalità, con esclusione di qualsiasi altro mezzo:

– direttamente presso la sede dell’Associazione Amici dei Musei e Monumenti Pisani, Piazza San Silvestro 11, Pisa dalle 10 alle 12:30 dal Lunedì al Venerdì ;

– a mezzo del servizio postale o per corriere;

esclusivamente attenendosi alle specifiche del Governo Italiano reperibili sul sito www.digitpa.gov.it/pec,  mediante propria casella di posta elettronica certificata (PEC), purché le relative credenziali di accesso siano state rilasciate previa identificazione del titolare anche per via telematica e ciò sia attestato dal gestore del sistema nel messaggio o in un suo allegato, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta o in formato .pdf o sottoscritta con firma digitale, il cui certificato sia rilasciato da un certificatore accreditato.

Nel caso di domanda inviata per posta il plico dovrà contenere la dicitura relativa alla selezione alla quale si intende partecipare e al numero dell’Avviso di selezione.

La data di acquisizione delle istanze è stabilita e comprovata:

– nel caso di presentazione diretta: dalla data indicata nella ricevuta sottoscritta e rilasciata dal personale di questa amministrazione addetto al ricevimento;

– nel caso di ricorso a servizio postale farà fede la data di ricezione apposta da parte dell’Ufficio Protocollo o comunque dal personale di questa amministrazione addetto al ricevimento;

– nel caso di invio tramite PEC, l’indicazione temporale è fornita dal gestore del sistema.

Le domande sono ritenute ammissibili e valutabili solo se presentate secondo le modalità e nel termine di presentazione di cui al presente avviso, se debitamente sottoscritte, se presentate complete delle dichiarazioni e del curriculum prescritto, se presentate da soggetto in possesso dei requisiti richiesti.

 

  1. Conferimento dell’incarico

L’aspirante individuato sarà convocato per procedere alla stipula del contratto, previa verifica dei requisiti dei contraenti e al regime delle incompatibilità.

L’Istituto non assume responsabilità per il caso di irreperibilità o per la dispersione di comunicazioni imputabile ad inesatta comunicazione del recapito da parte del prestatore, oppure a mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda ovvero ad eventuali disguidi postali imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.

Non si procede al conferimento dell’incarico ai soggetti individuati che entro il termine fissato dall’Amministrazione non si presentino per la stipula del contratto, salvi i giustificati motivi, ovvero qualora tali soggetti risultino versare in una delle situazioni di incompatibilità.

 

  1. Trattamento dati personali

I dati personali forniti da ciascun aspirante saranno raccolti dall’Istituto e trattati per le finalità di gestione della procedura comparativa e del rapporto di lavoro instaurato, in modo tale da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi in conformità con quanto previsto dal D. Lgs. 196/2003. L’Istituto si riserva altresì di raccogliere i curricula pervenuti nella presente procedura comparativa, insieme ad altri che siano acquisiti in forme idonee, per la costituzione di una banca dati dalla quale poter attingere per il conferimento di incarichi di prestazione d’opera qualora motivi di particolare necessità ed urgenza non consentano di rispettare i tempi di espletamento di una procedura di valutazione comparativa. Tutti i dati dei curricula raccolti saranno tutelati nel rispetto delle normative sulla privacy.

 

  1. Disposizioni finali

Ai sensi di quanto disposto dall’art.5 della legge 241/1990, il responsabile del procedimento di cui al presente avviso è il prof. Fabio Beltram (per informazioni è possibile contattare la dott.ssa Barbara Gradara (Tel. 050/509496 – indirizzo: b.gradara@sns.it ).

Il presente avviso è pubblicizzato sul sito web dell’Istituto.

L’Istituto si riserva il diritto di modificare, prorogare e eventualmente revocare il presente avviso a suo insindacabile giudizio, senza che i candidati possano vantare diritti di sorta.

Di ogni eventuale determinazione in merito sarà data idonea pubblicità sul sito web dell’Amministrazione.

 

 

Pisa,    17 febbraio 2017

 

Il Commissario straordinario

Prof. Fabio Beltram

 

 

 

 

 

Allegato                                                                                                                All’Istituto Domus Mazziniana

Via G.Mazzini, 71

56125 PISA

 

 

Il/La sottoscritto/a ………………………………………..nato/a a ……………………………………………… il ………………………residente in………………………………………..via…………………………………

cap……………………………codice fiscale……………………………………………………………………….

 

CHIEDE

 

di essere ammesso/a a partecipare alla valutazione comparativa per il conferimento incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’Istituto Domus Mazziniana, mediante la stipula di un contratto di collaborazione professionale di cui all’Avviso di valutazione comparativa n° 1 del 17/2/2017.

A tal fine, sotto la propria responsabilità e consapevole delle sanzioni penali richiamate dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000 per le ipotesi di dichiarazioni non veritiere, di formazione e uso di atti falsi,

 

DICHIARA

 

  1. di avere la cittadinanza [1]……………………………………..;
  2. di essere in possesso dei seguenti requisiti previsti all’art.2 dell’Avviso[2]:
  • lettera a) ovvero …………………………………………………………………………………… ………………………………………………………………………………………………………………
  • lettera b) ovvero ……..………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………

  1. di □ essere □ non essere dipendente di pubblica amministrazione;
  2. di □ avere svolto □ svolgere □ non svolgere attualmente altre attività di lavoro autonomo conferite dall’Istituto Domus Mazziniana;
  3. di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso;
  4. che tutto ciò che è contenuto nel curriculum e nell’eventuale altra documentazione allegata ha valore di dichiarazione sostitutiva di certificazione in relazione agli stati, fatti e qualità personali elencati all’art. 46 del D.P.R. n. 445/2000 ovvero di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in relazione a stati, fatti e qualità personali che sono di sua diretta conoscenza, ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. n. 445/2000;
  5. di conoscere e accettare pienamente le condizioni riportate nell’avviso di valutazione comparativa e la natura autonoma del rapporto lavorativo;
  6. di essere consapevole che l’Istituto tratterà i dati personali contenuti nella presente domanda e nella documentazione allegata in conformità a quanto previsto dal medesimo decreto per gli adempimenti connessi alla presente procedura e al relativo contratto;
  7. di autorizzare l’utilizzo del proprio curriculum ai fini della costituzione di una eventuale banca dati dalla quale l’Istituto si riserva di attingere per il conferimento di incarichi di prestazione d’opera nel caso in cui motivi di particolare necessità ed urgenza non consentano di rispettare i tempi di espletamento di una procedura di valutazione comparativa.

 

Allega alla domanda:

 

  1. il proprio curriculum nonché ogni altra informazione o notizia che ritenga utile ai fini della valutazione.
  2. fotocopia non autenticata di un documento di identità in corso di validità.

 

 

 

Desidera che tutte le comunicazioni relative alla presente valutazione siano inviate al seguente indirizzo [3]……………………………………….. ……………………………n. tel/cell…………………………

oppure al seguente indirizzo di posta elettronica…………………………………………………………………

 

 

Luogo e data …………………….

 

Firma (leggibile) …………………

 

 

[1] Ai cittadini stranieri potranno essere conferiti incarichi purché in regola con le vigenti disposizioni in materia di permessi di soggiorno.

[2] Specificare i titoli di studio e gli attestati posseduti, indicando la data del loro conseguimento, l’Ente che li ha rilasciati, la Classe di appartenenza in caso di Laurea.

[3] Da compilare solo se diverso dall’indirizzo di residenza.